Gli Strumenti per Trovare le Keyword: una Breve Guida (prima parte)

Abbiamo già visto come scegliere le parole chiave e come utilizzare le keyword nei nostri testi, rimane però ancora un dubbio: quali sono i migliori strumenti per trovare le keyword da inserire nel nostro sito?

In rete esistono decine di strumenti che svolgono questa funzione, più o meno complessi, gratuiti o a pagamento: elencarli tutti (e descriverne le caratteristiche) diventa un’impresa impossibile nello spazio di un singolo articolo, mentre è possibile indicare quelli più diffusi (e facilmente utilizzabili).

Un solo fattore è sempre importante ricordare: la soluzione migliore, quando siamo alla ricerca delle parole chiave che ci possono essere più utili per il nostro sito, non è quella di fermarsi ai primi risultati, ma di utilizzare diverse risorse e incrociare i risultati stessi.

In questo modo avremmo a disposizione un quadro più ampio di quelle che sono in un determinato momento le ricerche del pubblico su una data parola o frase: in base a questo dato e ai nostri obbiettivi potremmo trovare nuovi spunti e regolare al meglio la scelta delle parole chiave.

Lo strumento per le parole chiave di Google AdWords

Lo strumento che offre Google AdWords per la ricerca delle parole chiave è probabilmente uno dei più utilizzati in rete: questo per il fatto di essere gratuito (caratteristica sempre gradita) e in più di essere abbastanza semplice da utilizzare, anche per un neofita di questo tipo di ricerche.

Inoltre si tratta di una risorsa completamente in lingua italiana e completa di una guida molto utile per comprendere l’utilizzo: l’unica condizione necessaria per utilizzarla è di possedere un account google (un indirizzo di posta gmail), che ci serve per effettuare l’accesso.

Le opzioni che questo strumento ci offre in prima battuta sono quelle di:

cercare nuove idee per le parole chiave e i gruppi di annunci: in questo modo possiamo trovare nuove keyword che sono legate a una particolare frase, a un sito web oppure a una categoria;
ottenere il volume di ricerca per le parole chiave o raggrupparle in un gruppo di annunci: utilizzando questa funzione possiamo inserire una o più parole chiave e ottenere lo “storico” delle ricerche sul web per quella o quelle parole chiave;
visualizzare le previsioni di traffico per una o più parole chiave: grazie a questa funzione potremmo ottenere una previsione sull’utilizzo futuro di una o più parole chiave. Questo ci potrà essere molto utile anche per determinare il costo di un eventuale campagna pay per click di Google Adwords.
Infatti, se le previsioni di ricerca di una parola chiave (o di una lista di keyword) per l’immediato futuro sono molto alte, è probabile calcolare che una campagna pay per click basata su questa parola chiave abbia un costo abbastanza elevato.
moltiplicare gli elenchi di parole chiave: inserendo diverse parole chiave (o elenchi di parole chiave) questo strumento ci permetterà di ottenere una serie di risultati diversi, con elenchi di parole chiave nuovi.

Inoltre sarà possibile mostrare il valore di ricerca per determinate parole chiave e ottenere le previsioni sulle ricerche future di singole keyword o elenchi di keyword: tutti strumenti molto utili per capire in che direzione muoversi e su quali “termini” potrebbe risultare più utile investire.

Consideriamo che questi sono solo gli strumenti di base di questo keyword planner, che possiede funzioni avanzate che ci permettono di settare in modo ancora più mirato le nostre ricerche.

Nella seconda parte dell’articolo vedremo altri strumenti per la ricerca delle keyword, ma cosa pensi del sistema proposto da Google? Ti sembra uno strumento efficace?

 

Ritratto di Laura Poletti
Inviato da Laura Poletti
il Mar, 04/07/2015 - 16:18
Contattaci

Per poter valutare con maggiori dettagli la tua situazione ed aiutarti, puoi compilare i seguenti campi e inviare la richiesta di informazioni.